Home / Racconta la TUA buona scuola

RACCONTA LA TUA BUONA SCUOLA



Ecco i vincitori!

Finalmente, dopo una lunga e impegnativa selezione, vi comunichiamo i nomi dei vincitori del Concorso.
Avete partecipato numerosissimi, portando tanti progetti originali, quindi il compito della Giuria è stato particolarmente laborioso e appassionante.
Grazie a tutti/e per l'entusiasmo e la professionalità con cui avete aderito alla nostra iniziativa: torneremo presto con nuove sfide!

Ed ecco i vincitori ai quali vanno i nostri più vivi complimenti:

 classificato: 
Fabrizio Gentili con il progetto "Il teatro della fisica" si aggiudica un buono Amazon del valore di 500 euro

2* classificata: 
Anna Cervellati con il progetto "Noi scienziati tenaci" si aggiudica un buono Amazon del valore di 300 euro

3* classificata: 
Maria Claudia Borgia con il progetto "Noi: bambini tutti speciali" si aggiudica un buon Amazon del valore di 200 euro


Scuola Channel ti invita al grande concorso

Sei un insegnante?

Racconta la TUA buona scuola!


Come si fa “buona” scuola nel quotidiano delle classi italiane? Quali sono le pratiche che si traducono in un apprendimento concreto, in una piccola o grande competenza raggiunta, in un’esperienza partecipata e inclusiva?

Scuola Channel, il nuovo canale di edutainment dedicato alla scuola, ai giovani e alle famiglie, lo chiede a voi insegnanti che ogni giorno, fra piccole e grandi difficoltà, cercate di dare alla didattica un valore concreto.


Con il concorso “Sei un insegnante? Racconta la TUA buona scuola”, Scuola Channel ha un obiettivo fondamentale: dare voce agli insegnanti come te che dedicano competenze ed energie per rendere la scuola di ogni giorno un campo privilegiato in cui far crescere bambini e adolescenti, ognuno con i propri talenti e stili di apprendimento.
Quale pratica didattica è per te un esempio di buona scuola?

Raccontalo “a” e “su” Scuola Channel: può essere un’esperienza di insegnamento vissuta, un’idea o progetto ancora da realizzare, che ritieni significativo o innovativo e replicabile, perché in grado di trasmettere conoscenza, valori e motivazioni negli studenti.
La tua esperienza verrà pubblicata sulla piattaforma Scuola Channel, pronta ad alimentare le buone pratiche della scuola e a mettere in comune risorse educative innovative, e potrai vincere uno dei 3 buoni premio in palio per un montepremi di 1000€.


Come si partecipa?

Partecipare è semplice: basta iscriversi al portale Scuola Channel (con la garanzia della riservatezza nel trattamento dei vostri dati) e, nell’apposita sezione dedicata al concorso “Sei un insegnante? Racconta la TUA buona scuola”, raccontare con un testo una propria esperienza di insegnamento o un progetto didattico da concretizzare che si ritiene essere esempio di buona scuola, motivandoloFra tutte le esperienze pervenute entro il 30 aprile 2017, una giuria competente selezionerà i 3 vincitori assoluti, in base a criteri di pertinenza al tema, all'originalità e al valore del contenuto.


Cosa si vince?

1° classificato: 1 Buono Amazon del valore di 500 €
2° classificato: 1 Buono Amazon del valore di 300 €
3° classificato: 1 Buono Amazon del valore di 200 €

IL TEATRO DELLA FISICA

Sono un docente di matematica e fisica del liceo scientifico Galilei di Macerata, vi scrivo per raccontarvi alcuni  progetti da me realizzati  o attualmente in fase di realizzazione nella mia scuola attuale: "il teatro della fisica". Tale progetto consiste nella realizzazione di uno spettacolo tenuto dai ragazzi durante il quale realizzano gli esperimenti studiati durante l'anno ad un pubblico composto da genitori e da altri alunni della scuola.
Ecco i  link youtube ai video degli avvenimenti:

https://youtu.be/jSs_bfBsLZU?list=PL5YrVjVb3oJkgeAJBmXANZ5RpYTXvEwE

https://youtu.be/56sFbxq2gNA?list=PL5YrVjVb3oJnqvpRZOmUOI9aaV6ocxHMS

https://youtu.be/56sFbxq2gNA?list=PL5YrVjVb3oJnqvpRZOmUOI9aaV6ocxHMS

https://youtu.be/eXek1XVDrZ8?list=PL5YrVjVb3oJmbRXSmXxoBk5iu25z1wpSq

https://youtu.be/0GrTG5CK1j8?list=PL5YrVjVb3oJmbRXSmXxoBk5iu25z1wpSq

https://youtu.be/cGG-TKr4Tdc?list=PL5YrVjVb3oJmbRXSmXxoBk5iu25z1wpSq

NdR: una descrizione più estesa del progetto verrà pubblicata su Fb e/o sul nostro portale in futuro.

NOI SCIENZIATI TENACI

Dal 27 al 31 marzo 2017 presso la scuola primaria Matteotti si è svolta la settimana della scienza.

Le classi quarte e quinte hanno realizzato laboratori da proporre alle classi del plesso, dove la scienza, la tecnologia, la robotical'arte, il teatro, la lingua inglese non hanno avuto una linea di demarcazione.

Le classi quinta A e B hanno realizzato, nell'ottica dell'inclusione, laboratori inerenti il corpo umano, le illusioni ottiche, l'energia, i vulcani, i terremoti, il sistema solare e la robotica educativa.

Gli alunni hanno progettato cartelloni, PowerPoint, plastici, Qr-code , esperimenti, scatole tattili e olfattive e a pianificare attività di robotica utilizzando le bee bot, i Lego wedo e un robot ad energia solare ed elettrica.

Attraverso la scoperta, il gioco, gli esperimenti e la drammatizzazione gli alunni dimostrato di avere le competenze necessarie per realizzare attività didattiche e di saperle adattare a giovani fruitori.

NOI: BAMBINI TUTTI SPECIALI

"Noi: bambini tutti speciali" è un progetto dell’anno scolastico 2016/17 che, partendo dall'analisi di alcune emozioni (gioia- rabbia- amore- tristezza), ha premesso agli alunni della classe VB di parlare dei loro comportamenti in risposta a determinati eventi e di riflettere su modi di agire e di relazionarsi con l'altro.

Ogni settimana è stato affrontato un tema, i bambini attraverso diverse strategie (brainstorming, circle time, lavoro a gruppi) hanno elaborato una definizione generica e personale dell'emozione trattata, apportando esperienze di vita vissuta. Successivamente ciascuno di loro ha elaborato una riflessione personale più approfondita rispondendo ad alcune domande-chiave proposte. Infine al termine della riflessione elaborata, il gruppo classe ha pensato ad un impegno da prendere per migliorare il proprio comportamento e per evitare di creare situazioni che l'altro avrebbe potuto vivere male.